News / Donne scienza invenzione carriera / Ci salverà la sostenibilità ambientale (lo speriamo per il pianeta)
sostenibilità ambientale tutela mare

Ci salverà la sostenibilità ambientale (lo speriamo per il pianeta)

“DONNE SCIENZA INVENZIONE CARRIERA - Progetto di Gianna Martinengo”
Dalle esperienze alle skill al role model, viaggio tra le professioniste e scienziate che stanno facendo progredire il mondo della scienza italiano e internazionale. Interviste a "mente aperta” anticipate da un viaggio nei diversi mercati dell’innovazione.

Ogni giorno gli italiani, prima e dopo i pasti principali, diligentemente ripongono gli imballaggi in plastica nei contenitori che hanno in casa e restano stupiti dalla quantità di materiale che preparano per il riciclo; questo vale anche per la carta, l’alluminio, il vetro. Ogni famiglia consuma e butta, in ogni parte del mondo, al punto che il pianeta potrebbe essere rappresentato come un gigantesco box pieno di rifiuti, più o meno riciclabili.

Come ben spiega di seguito la biologa marina Valentina Tirelli, la situazione è talmente esplosiva che anche le acque polari, sino a poco tempo fa considerate incontaminate, sono invece state raggiunte dalle microplastiche (particelle di plastica di dimensioni inferiori ai cinque millimetri).

Plastica in mare, microplastica e raccolta differenziata

Il tema della sostenibilità ambientale, unica strada per consentire al pianeta e all’uomo di non morire schiacciato sotto il peso dei suoi comportamenti non virtuosi, è prioritario e nelle agende di quasi tutti i Paesi. La pandemia ha un attimo distolto l’attenzione, ma noi desideriamo riporre la questione al centro e fornire qualche indicatore prezioso.

Secondo il quinto Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile di LifeGate*, la sostenibilità ambientale è popolare e interessa o appassiona 34 milioni di italiani – il 67% della popolazione. A essere sollecitate dall’argomento sono soprattutto le giovani e le donne… e non è un caso, dato che il movimento Fridays for Future, arrivato anche in Italia, è capeggiato proprio da una young lady, Greta Thunberg.

  • Il 32% degli italiani, poi, sente di avere piena conoscenza della parola “sostenibilità”; analoga percentuale vale per il termine “sviluppo sostenibile”.

  • Il 92% effettua la raccolta differenziata e il 91% è consapevole del fatto che le scelte di sostenibilità devono essere fatte in funzione del futuro delle generazioni che verranno.

  • La plastica, per tornare all’articolo di Valentina Tirelli, è considerata il nemico più pericoloso, dato che il 97% della popolazione ritiene sia fondamentale la riduzione del suo utilizzo.

Una forte attenzione è presente anche nei confronti dell’uso delle energie rinnovabili, del consumo di prodotti bio, del turismo sostenibile, della predilezione per aziende che si comportano in modo virtuoso dal punto di vista ambientale.

Insomma, la sensibilità c’è, l’azione personale – riciclare, consumare di meno in casa propria, acquistare con intelligenza beni e servizi – anche. L’economia stessa ha compreso quanto rendere “sostenibile” il business possa generare altro business. Si attende anche da qui la ripartenza 2021 post-pandemia, con il pieno supporto delle donne, specie di quelle che già vantano posizioni apicali all’interno delle imprese e che dunque possono orientare in senso ambientale le strategie.

In questo percorso non siamo soli, come Paese: la direttrice comune che tutti seguiamo è infatti l’Agenda 2030 dell’Onu, con i suoi 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile: basterebbero i primi due (annullamento della povertà; “zero” fame per tutta la popolazione mondiale) realmente raggiunti per farci tirare un sospiro di sollievo.

Microplastiche e altre specie aliene nei nostri mari: la parola alla biologa marina Valentina Tirelli

valentina tirelli

Dall’Erasmus in Francia alle spedizioni oceanografiche nei mari polari a caccia di microplastiche. Valentina Tirelli, professione biologa marina, è profondamente grata a Sofia Corradi. “A lei si deve infatti il Programma Erasmus”, che dal 1987 promuove la mobilità studentesca in Europa all’insegna della cultura e dell’educazione, quali preziosi strumenti di dialogo e di sviluppo sociale. “L’Erasmus mi ha cambiato la vita” dice.

«Sono partita nel febbraio del 1992, quindi sono stata tra i primissimi a usufruire degli scambi Erasmus. E devo dire che è stata una tappa fondamentale del mio percorso di crescita, personale e professionale. Perché in quei mesi trascorsi a Villefranche sur Mer ho assaporato la bellezza della condivisione, di culture diverse e della stessa passione, quella per il mare, e ho avuto l’occasione di apprezzare giorno per giorno la ricchezza del confronto che è, in fondo, l’essenza del mio lavoro anche oggi: il confronto con colleghi e colleghe in ogni angolo del mondo è la conferma che la scienza non ha confini».

inquinamento ambiente marino

Valentina Tirelli, dal 2006 ricercatrice all’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale di Trieste, ha scoperto però che anche l’inquinamento, purtroppo, non ha confini. Insieme ad Amy Lusher, una collega dell’istituto irlandese Galway-Mayo Institute of Technology, ha documentato infatti per la prima volta la presenza di microplastiche nelle acque artiche, considerate incontaminate almeno fino ad allora.

«È stato un risultato sorprendente che abbiamo ottenuto analizzando campioni delle acque prelevate dalla Norvegia fino alle isole Svalbard, durante una spedizione di ricerca nel corso dell’estate 2014. Ricordo ancora l’entusiasmo e la frenesia per prelevare, notte e giorno, i campioni».

E così per la prima volta, come illustrato in un articolo sulla rivista Scientific Reports, avete documentato la contaminazione da microplastiche anche delle acque polari artiche. Ma cosa sono le microplastiche?

«Le microplastiche sono particelle di plastica di dimensioni inferiori ai cinque millimetri, il cui accumulo nei mari a qualsiasi latitudine è ormai un problema noto e preoccupante. Grazie a quella spedizione, sei anni fa, abbiamo evidenziato per la prima volta che avevano raggiunto anche le acque dell’artico. Ne abbiamo riscontrato la presenza sia in superficie sia a sei metri di profondità. Abbiamo dovuto dunque prendere coscienza della presenza della plastica anche nei mari delle aree più isolate del pianeta. Il mese prima della nostra spedizione, microplastiche erano state trovate in carote di ghiaccio artico e purtroppo negli anni successivi microplastiche sono state scoperte anche in molte specie marine che abitano i poli. Parlo di poli perché anche in Antartide, che è ancora, di gran lunga, la regione più remota e meno esposta all'attività umana, sono stati trovati frammenti di plastica».

ambiente marino

A preoccupare non è solo l’impatto sull’ecosistema e sugli organismi marini, ma anche la possibilità che questi frammenti entrino nella catena alimentare e quindi finiscano sulla nostra tavola. Anche se, come evidenza per esempio l’European Food Safety Authority, i potenziali effetti tossici sulla salute umana sono ancora da chiarire.

«In effetti le microplastiche possono creare un grande danno all’ecosistema marino, impattando sulla vita di molte specie marine. Gli studi ci dicono per esempio che i microframmenti di plastica presenti in mare sono degli attrattori di inquinanti: in pratica, sulla loro superficie si accumulano inquinanti e sostanze potenzialmente tossiche che così vengono veicolate agli animali marini.

inquinamento mare

Il mio interesse per le microplastiche nasce dal fatto che hanno dimensioni molto simili al plancton: di fatto quando prelevavo campioni di acqua prelevavo zooplancton e plastiche. E lo zooplancton, che è costituito da piccoli organismi che si nutrono in gran parte filtrando l’acqua, può ingerire microplastiche. E così via via dallo zooplancton, che è il primo anello della catena alimentare (per esempio nelle zone polari gran parte dello zooplantcon è costituito dai krill di cui si cibano le balene), le microplastiche possono arrivare ai pesci e dai pesci fino a noi. Ma al momento devono ancora essere chiariti gli effetti nocivi sulla salute umana».

placton

Oggi lei è molto impegnata anche in attività di divulgazione sul fronte plastica in mare e inquinamento dell’ambiente marino: incontra studenti e studentesse, partecipa a festival e a vari eventi divulgativi.

«È vero, perché non può esserci alcuna salvaguardia dell’ambiente marino senza la sua conoscenza e la comprensione di ciò che più ne compromette lo stato di salute. Penso che parte della soluzione del problema causato dalle microplastiche in mare, perché di un grosso problema si tratta, sia diffondere informazione e sensibilizzare le persone, i più giovani ma non solo, affinché riducano l’uso della plastica e soprattutto contribuiscano a diminuirne drasticamente l’arrivo in mare.

plastica in mare

Noi abbiamo creato il problema, inquinando, e noi dobbiamo essere parte della soluzione. Ricordiamoci però che l’inquinamento da plastica purtroppo non è il solo problema che riguarda i nostri mari. Si pensi, per esempio, alla perdita di biodiversità marina (dovuta principalmente all’impatto della pesca eccessiva e alla distruzione degli habitat di molte specie marine) e all’acidificazione degli oceani».

pesca in mare

A proposito di fattori che stressano l’ambiente marino, oggi lei si occupa di specie aliene. In particolare studia le cosiddette noci di mare: cosa sono e perché la loro presenza nel nostro mare è così preoccupante?

«Le noci di mare appartengono alla specie Mnemiopsis leidyi e sono organismi gelatinosi che, a colpo d’occhio, sembrano simili alle meduse ma sono ctenofori. A differenza delle meduse non hanno cellule urticanti e quindi sono innocue a contatto con la nostra pelle. Possono però avere un impatto negativo sull’ecosistema e sulle attività alieutiche».

In altre parole le noci di mare possono influenzare pesca?

«Sì. Nel mare Adriatico, abbiamo assistito all’esplosione demografica di questi organismi gelatinosi dall’estate del 2016. In particolare nella laguna di Grado e Marano, abbiamo assistito a una vera e propria invasione di noci di mare che ha costretto molti pescatori a cessare la loro attività durante i mesi estivi. La presenza di questa specie preoccupa molto in quanto si è visto che in altri mari, dove questa specie aliena è stata introdotta accidentalmente, ha stravolto l’ecosistema marino: per esempio nel mar Nero, l’arrivo di Mnemiopsis ha contribuito al collasso totale della pesca dell’acciuga».

noci di mare

Valentina Tirelli, perché si è arrivati a questo punto?

«Perché è una specie ermafrodita che si riproduce con estrema facilità e molto rapidamente - non ha bisogno di partner e in un solo giorno può produrre migliaia di uova - ed è molto vorace: preda zooplancton, uova e piccole larve di pesci e molluschi. Da un lato dunque altera profondamente la catena alimentare sottraendo cibo (lo zooplancton) alle specie planctivore (come appunto acciughe e sardine) e dall’altro ne preda i primi stadi di sviluppo. Inoltre, quando questi organismi gelatinosi finiscono nei cogolli (reti utilizzate per la pesca artigianale in laguna) ne rendono difficile se non impossibile l’uso».

Di fatto da dove arrivano le noci di mare?

«Le noci di mare (Mnemiopsis leidyi) sono originarie delle coste atlantiche americane. Hanno straordinarie capacità di adattamento e, riproducendosi molto velocemente, in assenza di predatori efficaci, sono estremamente invasive. Molto probabilmente sono state veicolate nei mari europei attraverso le acque di zavorra delle navi.

noci di mare inquinamento

Per chi non lo sapesse, le acque di zavorra vengono caricate a bordo per stabilizzare l’assetto della nave che, una volta giunta a destinazione e scaricato il carico, si libera anche delle acque di zavorra. Il punto è che queste acque non sono inerti, ma contengono vita e così trasportano organismi da un capo all’altro del mondo. Alcuni di questi organismi alieni, cioè non nativi, possono essere particolarmente infestanti e creare di conseguenza squilibri che è necessario monitorare. Ebbene, la noce di mare è stata inserita nella lista delle 100 specie invasive più dannose al mondo».

Insomma, l’ecosistema marino è sempre più fragile?

«Sicuramente con le nostre attività stiamo contribuendo ad accelerare alcuni cambiamenti del nostro pianeta e stiamo causando stress al mondo sommerso. Come dicevo prima, la ricerca è importante perché c’è ancora tanto da conoscere e la conoscenza del mondo marino è fondamentale per poterne proteggere la biodiversità».

*Fonte: Osservatorio nazionale sullo stile di vita sostenibile-Eumetra MR.

Biografia di Valentina Tirelli

Nata a Correggio, in provincia di Reggio Emilia, il 15 aprile 1968, Valentina Tirelli ha iniziato i suoi studi in Scienza Naturali all’Università di Parma, per poi trasferirsi a Trieste per specializzarsi in biologia marina.

Grazie alla borsa di studio del progetto Erasmus, conseguita nel 1992, svolge la sua tesi di laurea presso il Laboratorio di Oceanografia di Villefranche sur Mer in Francia, dove tornerà dopo la laurea, conseguita nel 1993, per fare il dottorato.

Nel corso del suo lavoro di dottorato ha l’opportunità di recarsi alle isole Kerguelen (arcipelago dell’Oceano Indiano Meridionale che fa parte dei Territori subantartici francesi) dove sarà la prima italiana a trascorrere un periodo di ricerca. Nello stesso anno, il 1995, partecipa a una spedizione francese in Antartide. Tornata in Italia, sarà per quattro anni assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi di Trieste e tornerà in Antartide, questa volta con gli italiani, nel 2001.

Dal 2006 è ricercatrice all’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, dove si occupa dello studio dello zooplancton. Partecipa a numerose crociere in Mediterraneo e nel 2014 fa parte di una spedizione in Artico.

È autrice di numerose pubblicazioni internazionali e tra i suoi interessi di ricerca più recenti troviamo l’inquinamento da microplastiche e l’impatto delle specie aliene sull’ecosistema marino adriatico.

Questo prodotto non è privo di rischi e fornisce nicotina che crea dipendenza. Solo per maggiorenni che altrimenti continuerebbero a fumare o ad usare altri prodotti con nicotina.
  • Italiano

Inserisci mese e anno di nascita per confermare di essere un maggiorenne fumatore o utilizzatore di altri prodotti contenenti nicotina.

Conferma

Questo sito è destinato solo a maggiorenni fumatori o utilizzatori di altri prodotti contenenti nicotina

We Care

Questo sito contiene informazioni sui nostri prodotti da utilizzare con tabacco e abbiamo bisogno della tua età per accertarci che tu sia un maggiorenne in Italia che continuerebbe a fumare o a usare prodotti contenenti nicotina. I nostri prodotti da usare con appositi stick di tabacco non sono un'alternativa allo smettere e non sono concepiti come strumenti di supporto alla cessazione. Non sono privi di rischi. Gli stick di tabacco contengono nicotina, sostanza che provoca dipendenza. Uso riservato a soli adulti. Per maggiori informazioni visita la sezione Cosa Sapere di questo sito.