Importante: possibili ritardi nelle spedizioni.

HAI DIMENTICATO LA TUA PASSWORD?


Torna al LOGIN


Torna al LOGIN
O
News / Donne scienza invenzione carriera / Biotech: tutti i colori delle biotecnologie
donne biotech

Biotech: tutti i colori delle biotecnologie

“DONNE SCIENZA INVENZIONE CARRIERA - Progetto di Gianna Martinengo”
Dalle esperienze alle skill al role model, viaggio tra le professioniste e scienziate che stanno facendo progredire il mondo della scienza italiano e internazionale. Interviste a "mente aperta” anticipate da un viaggio nei diversi mercati dell’innovazione.

Quando ancora non si intravedeva nemmeno la portata distruttrice del SARS-CoV-2 nella sua interezza, già le aziende italiane del biotech erano all’opera per capire, studiare, cercare di sequenziare il virus, fornire un contributo fattivo alla diagnostica e sviluppare vaccini atti a proteggere la popolazione e rallentare il contagio. Questo è solo uno dei tanti esempi che si possono raccontare sul particolare mondo legato alle biotecnologie, che lavora lontano dai riflettori, per quanto riguarda i mass media, per poi esplodere in notorietà quando, effettivamente, vi sono risultati sorprendenti che aiutano l’uomo a progredire e a migliorare le proprie condizioni di vita. Lo scopo del biotech nel suo complesso è proprio questo: osservare l’esistente e fornire nuove soluzioni, possibilmente in velocità, o comunque senza mai rallentare il ritmo dell’operatività.

Un Paese che può e deve dire la sua nel biotech

Il settore delle biotecnologie è vivace e colorato. Non solo perché le sue tante branche (white-industriale, blu-marina, red-medica farmaceutica e veterinaria, green-agraria o vegetale, yellow-alimentare, ecc.) arrivano a comporre quasi un arcobaleno di scienza. Ma soprattutto perché esprime una competenza trasversale che davvero trova campi di applicazione numerosi e tutti votati a ricerca, progresso e interconnessioni con altre discipline.

settore biotech coltivazioni scienza

Come spesso accade nel nostro Paese, il settore biotech è numericamente esiguo, dal punto di vista delle aziende – circa 700 – ma il potenziale espresso sopravanza in dinamismo settori ben più grandi. Si pensi per esempio al fatto che “rispetto alle attività manifatturiere, l’incidenza degli investimenti in R&S sul fatturato per le attività biotech è notevolmente superiore: di 4 volte per le aziende biotech in genere; di 9 volte per le imprese dedicate alla R&S biotech; di ben 20 volte per le imprese dedicate alla R&S biotech a capitale italiano”.* Il fatturato totale supera i 12 miliardi di euro (incremento medio annuo tra il 2014 e il 2018 di circa il 5%); il numero degli addetti è pari a oltre 13 mila, il 34% dei quali impiegato in ricerca e sviluppo.

Il biotech ha un cuore pulsante che vuole accelerare e vuole presidiare e far crescere tutti i suoi campi d’azione, dalle applicazioni industriali a quelle ambientali, da quelle agricole a quelle zootecniche, a quelle per la Genomica, Proteomica e Tecnologie Abilitanti. Gli addetti sanno perfettamente che questi quattro ambiti rappresentano, in ordine di apparizione, i macro-temi di interesse del biotech, ma forse non ricordano che il “fermento” del settore è confermato anche dal fatto che ben il 20% delle aziende italiane biotech è composto da start-up innovative.

Il nostro Paese sconta ancora qualche problema a livello dimensionale, con imprese di media e piccola dimensione, ma certamente la sfida proposta dall’Unione Europea all’Italia, nel senso di una maggiore competitività attraverso un’aggregazione delle aziende e una collaborazione stretta con il mondo accademico può essere accettata dal biotech.

Le donne del biotech

Alcune hanno il camice bianco, altre ricoprono ruoli dirigenziali, altre sono imprenditrici portatrici di competenze e capitali nelle start-up e non solo. Le donne, scienziate e non solo, sono essenziali e indispensabili, nel biotech e per il biotech. Si sta parlando infatti di una disciplina che ogni giorno si confronta con l’innovazione spinta, l’ignoto, la sperimentazione, e che pertanto richiede soft skill adeguate. Le donne, con la loro capacità di essere multitasking, di intuire correlazioni non visibili, di lavorare in team esplodendo le loro migliori capacità si adattano alla perfezione a questo settore. E lo sostengono e lo fanno crescere, aggiungendo anche un’attenzione specifica al miglioramento della qualità della vita e al rispetto delle scelte etiche che spesso vengono chiamate in causa dalle scoperte scientifiche. Scienza, clinica e imprenditoria nel biotech possono così veramente dialogare e dedicarsi con azioni concrete al famoso “trasferimento tecnologico” che in altri comparti resta ancora una chimera.

Le biotecnologie per un futuro migliore

Forte è l’aspettativa nei confronti del biotech, nel nostro Paese, nel quale la metà delle imprese ha come settore di applicazione quello legato alla salute, con i tre macro-ambiti dei biofarmaci, dei diagnostici e dei vaccini. Oggi si può parlare di “ingegnerizzazione dei tessuti, alla correzione ‘chirurgica’ di patologie scritte nel DNA e alla messa a punto di diagnostici ultra veloci che sfruttano l’intelligenza artificiale”*, cosa sino a 40 anni fa del tutto non immaginabile.

 applicazioni delle biotecnologie

Il grande sviluppo delle biotecnologie sarà legato a percorsi di studio e ricerca di grandissimo respiro, che ingloberanno le più importanti innovazioni tecnologiche, come i Big Data, l’Intelligenza Artificiale, il machine learning. I grandi problemi legati alla sopravvivenza del pianeta e alla vita dell’uomo (desertificazione, effetto serra, pandemie, mancanza di cibo per la popolazione mondiale) attendono anche i risultati delle applicazioni delle biotecnologie.

Le donne possono fornire un contributo incredibile al mondo della scienza, così come a quello dell’impresa e della società civile. Sarebbe utile che finalmente emergessero i loro racconti e le loro testimonianze, così da confermare il loro ruolo e da diventare esempio per le giovani che vogliano iniziare percorsi STEM.

Women in biotech: Elena Sgaravatti

Elena Sgaravatti demethra biotech

Elena Sgaravatti ama le sfide. E ogni volta che ha l’opportunità di mettersi in gioco non si tira indietro. «Imparare qualcosa di nuovo consente di crescere e diversificare». La sua voglia di innovare affonda le radici nella curiosità e nella tenacia coltivate da sempre in famiglia. Una famiglia, la sua, di vivaisti, da generazioni. E proprio dalla passione del padre per le piante deriva, in fondo, il suo interesse per il regno vegetale. Che si è rivelato terreno fertile per la sua carriera, da ricercatrice prima, e da imprenditrice poi nel campo delle green biotech.

«Sono sempre stata affascinata dalle piante che per me, cresciuta in una famiglia di vivaisti, hanno sempre costituito un mondo da scoprire. Per questo ho scelto il corso di laurea in farmacia: volevo studiarne le proprietà farmacologiche» racconta.

E di fatto, al bancone della farmacia, Elena Sgaravatti ha sempre preferito quello dei laboratori per studiare i principi attivi delle piante e sviluppare fitocomplessi da destinare alla farmaceutica, alla cosmesi e all’industria alimentare.

Una tecnovisionaria. Con lo sguardo rivolto al futuro. Pronta a cambiare per intraprendere nuove strade e ripartire ogni volta con creatività e la consapevolezza, via via sempre più forte, che il futuro è green e che ricerca e innovazione devono ispirare il cambiamento.

Elena Sgaravatti, lei quest’anno è tra le vincitrici del Premio Internazionale Tecnovisionarie: un riconoscimento al contributo che ha dato e continua a dare al progresso economico e scientifico del Paese, un riconoscimento alla sua carriera trentennale nel settore farmaceutico. I primi passi li ha mossi in un’azienda farmaceutica?

«Effettivamente, dopo un brevissimo periodo in farmacia, sono entrata in Fidia: lì ho mosso i primi passi nel campo farmaceutico. In azienda mi sono occupata di nutraceutici e ho lanciato una linea innovativa di fitoterapici, tra cui un antidepressivo a base di iperico-perforato».

coltivazioni sostenibili

Qual è stato lo step successivo della sua carriera?

«Sì. Sono entrata alla Glaxo come licensing & business development senior manager: in sostanza mi occupavo di scambio di molecole tra diverse aziende farmaceutiche. Lavoravo a Verona, dove c’era, a suo tempo, un bellissimo impianto di ricerca e sviluppo di nuovi farmaci nel campo delle neuroscienze. Vi lavorano più di 600 persone. Io collaboravo attivamente con questo centro di eccellenza veronese e con la casa madre in Inghilterra. Poi dall’area terapeutica in neuroscienze mi sono spostata a quella della prevenzione e per molti anni mi sono occupata di vaccini: è stata davvero una bella esperienza».

Perché?

«Perché ho imparato cose nuove e ogni volta che si imparano cose nuove per me è una bella esperienza: gli stimoli nuovi servono ad allargare i propri orizzonti. E poi perché quello della prevenzione è un bellissimo settore. Un settore sfidante. Ci sono ancora molti preconcetti e pregiudizi che riguardano la vaccinazione anche se i vaccini hanno innescato un cambiamento epocale nella storia della medicina e hanno apportato un contributo straordinario alla salvaguardia della salute, secondo solo alla potabilizzazione dell’acqua in termini di prevenzione».

aziende biotech in italia

Insomma, per lei ogni nuova sfida da affrontare è un’opportunità di crescita. E proprio perché le novità non l’hanno mai spaventata, non si è tirata indietro quando le è stato chiesto di prendere le redini di un’azienda biotecnologica che non navigava in buone acque?

«Direi di sì. Ricordo esattamente quando mi chiamò l’ex presidente GSK, Glaxo Welcome a quel tempo, per parlarmi di una piccola azienda biotech su cui avevano investito molto in ricerca, ma non era decollata come speravano. Mi chiese se avevo voglia di accettare la sfida di salvarla dal fallimento e io non mi tirai indietro. Era il 2009».

Quindi, sfida accettata e vinta?

«È stata per me una grande soddisfazione riuscire a rilanciare IRB, l’Istituto di ricerche biotecnologiche, nel campo della produzione dei botanical, preparati officinali da utilizzare nell’integrazione alimentare, ma anche nella farmaceutica. Per il rilancio dell’azienda ho puntato sulle colture cellulari, modalità di coltivazione in vitro fuori dal suolo, in bioreattori, che la stessa FAO raccomandava, perché consente notevoli risparmi in termini di risorse (acqua, suolo…). Inoltre così non c’è alcuna esposizione ai contaminanti ambientali e la coltivazione delle piante officinali è completamente affrancata dalla stagionalità. Per non parlare del fatto che se per coltivare una qualsiasi pianta officinale ci vogliono mesi se non anni, in questo modo invece, dopo una faticosa fase di ricerca, la produzione è molto più rapida. E così in breve tempo siamo riusciti a registrare tre piante officinali per integratori alimentari e abbiamo vinto una menzione del Sole24Ore come azienda tra le 100 eccellenze del New Made in Italy per l’innovazione».

Tanto che avete guadagnato l’attenzione internazionale e nel 2012 IRB è stata acquisita da una multinazionale inglese. Lei ne è stata amministratrice delegata. Fino al 2016. Perché poi è iniziata una nuova avventura, sempre nel campo delle biotecnologie.

«Quando l’azienda ha annunciato di voler ampliare la produzione all’estero, creando cioè nuovi impianti produttivi non in Italia ma in Francia, ho scelto di contribuire a valorizzare le eccellenze italiane e, accogliendo la proposta di un imprenditore vicentino che voleva diversificare la propria attività di business, ho creato una nuova azienda facendo tesoro delle esperienze passate e mettendo in piedi un prezioso gioco di squadra con il mondo universitario e il supporto del Ministero dello sviluppo economico».

biotecnologie agricoltura

Si riferisce alla nascita della startup innovativa Demethra Biotech?

«Esattamente: un’azienda innovativa italiana specializzata nella ricerca e sviluppo di principi attivi vegetali da colture cellulari. Nei primi due anni Demethra ha vissuto gomito a gomito con l’Università di Verona. Abbiamo usato infatti i laboratori universitari condividendo intenti e passione con i ricercatori e le ricercatrici, fino a quando non ci siamo insediati nel nuovo stabilimento che è dotato di impianti di R&D e produzione concepiti secondo i criteri più avanzati della green technology, che ci consentono di coniugare standard qualitativi di eccellenza con la sostenibilità e perseguire al meglio i nostri obiettivi: coltivare piante officinali in modo sostenibile. Oggi del resto il tema della sostenibilità è irrinunciabile e Demethra, con la piattaforma biotecnologica che abbiamo messo a punto per produrre piante officinali da colture in vitro, consente di risparmiare risorse e di non usare solventi: si tratta di un salto di paradigma».

Oggi la sostenibilità è la strada da percorrere, l’obiettivo da perseguire. Lo ha evidenziato anche Ursula von der Leyen, sottolineando come per uscire dalla crisi l’unica via sia un modello di sviluppo sostenibile: e così l’Europa punta sul Green Deal. Possiamo dire che le biotecnologie sono al servizio della sostenibilità ambientale?

«Certamente, le biotecnologie sono tecnologie abilitanti. Su questo fronte è bene ricordare che in Italia ci sono indiscusse eccellenze e rispetto agli obiettivi europei partiamo da una posizione di privilegio. La strategia comunitaria Farm to fork per esempio richiede il contenimento di agrofarmaci e un maggiore sviluppo dell’agricoltura biologica: ebbene, in Italia su questi parametri siamo avanti rispetto ad altri paesi europei. Così come siamo avanti sul fronte della ricerca, per non parlare delle opportunità di crescita legate alla straordinaria biodiversità che abbiamo. In Italia, proprio perché geograficamente è stretta e lunga, ci sono microclimi diversi con biodiversità specifiche, che le biotecnologie possono concorrere a salvaguardare e valorizzare. Oggi infatti le tecniche di evoluzione assistita per il miglioramento genetico ci consentono di salvaguardare alcune cultivar che soffrono, per esempio, per la siccità o a causa di parassiti particolarmente aggressivi. Abbiamo insomma la possibilità di ricorrere a un armamentario avanzatissimo e dobbiamo farlo adesso, per fronteggiare i problemi innescati dall’aumento delle temperature e il conseguente drastico impoverimento dell’agricoltura».

Eppure, c’è una sorta di diffidenza nei confronti delle applicazioni delle biotecnologie alla filiera agroalimentare. Anche se proprio le biotech sono strumenti preziosi per affrontare la duplice sfida che deve affrontare oggi l’agricoltura: produrre di più consumando di meno.

«Le biotecnologie rappresentano una risorsa importante per molteplici settori: agricoltura, salute, industria. Non vanno quindi demonizzate, come è accaduto in passato con gli OGM, e non deve prevalere una sorta di oscurantismo ideologico verso il futuro. Per questo è importante la diffusione della cultura scientifica, per questo è importante parlarne con i giovani. E in questa direzione Assobiotec Federchimica sta facendo una grande operazione di divulgazione per favorire una maggiore consapevolezza. In questa cornice si inserisce per esempio l’evento del 9 novembre, che è la tappa conclusiva del percorso Biotech, il futuro migliore: occasione in cui presenteremo un Manifesto con le proposte operative per la crescita e lo sviluppo del settore. Perché le biotecnologie possono contribuire al rilancio dell’economia: sono traiettorie di sviluppo su cui fare leva per costruire un mondo più sostenibile. Ecco perché ai ragazzi e alle ragazze che vogliono impegnarsi per un futuro migliore e più sostenibile dico di studiare e di lavorare in questo campo».

colture cellulari biotech

Per scalfire la diffidenza, forse dovremmo ricordare che, in fondo, l’agricoltura stessa è una sorta di biotecnologia e che le piante che vengono coltivate sono il frutto di un processo di selezione artificiale, fatto da noi, da sempre, che ha determinato modificazioni genetiche.

«C’è in effetti un preconcetto sull’applicazione delle biotecnologie in agricoltura alimentato, anni fa ormai, dagli organismi giornalistici modificati: avete letto bene. Una non corretta comunicazione ha influenzato la percezione pubblica degli OGM che sono stati accumunati a qualcosa di mostruoso.

Ma quando parliamo delle tecniche di miglioramento genetico, delle cosiddette tecniche di evoluzione assistita, parliamo in fondo di tecnologie che ci consentono di fare la stessa cosa che fa da sempre il contadino nei campi, ma in maniera più veloce e mirata. Possiamo quindi selezionare più velocemente piante capaci di utilizzare al meglio le risorse ambientali o di resistere per esempio alla siccità. Questa è la strada da seguire e in fretta, perché dobbiamo accelerare la selezione delle piante capaci di fronteggiare l’aumento delle temperature o l’avanzata di patogeni».

settore biotech coltivazioni

«Insomma, le biotecnologie rappresentano una leva di innovazione importantissima per la salute del pianeta, centrale per il settore agricolo e industriale, in un’ottica che mette insieme sviluppo economico e tutela dell’ambiente. E oggi più che mai, bisogna andare avanti con un piano d’azione che non prescinda dagli investimenti in ricerca e innovazione e che assegni alle biotecnologie il loro ruolo di vero e proprio motore di una bioeconomia circolare per una ripartenza sostenibile. Dobbiamo quindi sviluppare in questo senso strategie precise che facciano sì che, anche a livello culturale, vengano accettate alternative sostenibili dal punto di vista ambientale ma anche economico e sociale».

Quanto è determinante secondo lei la collaborazione tra pubblico e privato, supportare le start up, incentivare l’Open Innovation per perseguire gli obiettivi di sostenibilità?

«Le collaborazioni tra pubblico e privato, tra le università e le aziende innovative sono cruciali. Riuscire a declinare la ricerca universitaria in innovazione costituisce un valore aggiunto per il mondo accademico, per le imprese e per la società in generale. È quindi importantissimo lavorare ancora di più in questa direzione. E a tal fine è importante riuscire a creare un ecosistema che faciliti l’innovazione e questa collaborazione».

Bisogna supportare anche le carriere femminili e valorizzare i talenti femminili. Non trova?

«Assolutamente sì. Riconoscere e valorizzare tutte le professionalità contribuisce contestualmente alla crescita delle singole aziende e del Paese nel suo insieme. Purtroppo, siamo ancora molto lontani dalla parità: di donne ai vertici ce ne sono ancora troppo poche, anche se passi avanti ne sono stati fatti parecchi. Ma i margini di miglioramento sono ancora ampissimi: basti pensare a quanto andrebbero potenziati i servizi a supporto delle famiglie e delle donne che lavorano».


*Fonte: “Le imprese di biotecnologie in Italia”, BioInItaly, Assobiotec, Enea.

Biografia di Elena Sgaravatti

Laureata in Farmacia presso l’Università di Padova, ha maturato nel settore farmaceutico diverse esperienze in multinazionali. Dal 2012 ha ricoperto l’incarico di CEO di IRB SpA (Istituto di Ricerche Biotecnologiche), società biotech che ha lanciato nel 2009 al suo arrivo come Direttore Generale e acquisita da Croda Int nel 2012. È inventore di 12 brevetti.

Co-fondatrice di Dembiotech Start up, innovativa di ricerca, 100% italiana per lo sviluppo e produzione di piante officinali da colture cellulari per l'applicazione nei settori dell’Health care, Food e Personal care.

La piattaforma biotech utilizzata consente il completo affrancamento dalla stagionalità, un risparmio di risorse come acqua e suolo nel rapporto di 1:1000 rispetto alla coltivazione tradizionale in suolo, l’abolizione di solventi e agrofarmaci ed il totale rispetto della biodiversità.

È, per il secondo mandato, Consigliere del Comitato di Presidenza di Assobiotec–Federchimica e sempre per Assobiotec, Coordinatrice del Gruppo Comunicazione; fa parte della commissione di indirizzo accademico dell’Università di Biotecnologie Mediche di Modena ed è membro del Comitato Scientifico del Cluster Bioinnova (Cluster Biologico Veneto) che, all’interno del progetto INNOPOS, in stretta collaborazione con Istituti Universitari si occupa del ripopolamento, dopo la tempesta VAIA, nel comuni dell’Altopiano di Asiago di piante autoctone a rischio di estinzione. È dal 2019 membro del gruppo di lavoro per l’accreditamento e la valutazione del Corso di Laurea Magistrale in Biotecnologie per l’alimentazione dell’Università Agripolis di Padova.

Prodotto non privo di rischi. Destinato ai fumatori adulti
  • Italiano

Inserisci mese e anno di nascita per confermare di essere un maggiorenne fumatore o utilizzatore di altri prodotti contenenti nicotina.

Conferma

Questo sito è destinato solo a maggiorenni fumatori o utilizzatori di altri prodotti contenenti nicotina

We Care

Questo sito contiene informazioni sui nostri prodotti da utilizzare con tabacco e abbiamo bisogno della tua età per accertarci che tu sia un maggiorenne in Italia che continuerebbe a fumare o a usare prodotti contenenti nicotina. I nostri prodotti da usare con appositi stick di tabacco non sono un'alternativa allo smettere e non sono concepiti come strumenti di supporto alla cessazione. Non sono privi di rischi. Gli stick di tabacco contengono nicotina, sostanza che provoca dipendenza. Uso riservato a soli adulti. Per maggiori informazioni visita la sezione Cosa Sapere di questo sito.