News / Startup / Startup innovative: in Italia si tocca quota 10.000

Startup innovative: in Italia si tocca quota 10.000

Quanto conta il mondo delle startup nel Bel Paese? Sicuramente la crescita è costante e ricca di belle promesse per il futuro. Cosa fa la differenza? La capacità di innovare la quotidianità rispondendo ad un bisogno latente ancora non soddisfatto, il guizzo creativo unito all’abilità imprenditoriale, il coraggio di sfidare lo status quo attraverso percorsi inesplorati. Perché startupper si nasce e, in parte, lo si diventa.

Cos’è uno startupper ? Il termine è stato coniato intorno all’aura di personaggi più o meno iconici (basti citare Steve Jobs e Bill Gates, startupper ante litteram), che con le loro idee hanno cambiato il mondo, o almeno una parte di esso, e soprattutto sono riusciti a dare valore a una prospettiva differente rispetto alla visione comune, proponendo un modo innovativo di interpretare una stessa esigenza comune.

Il mondo delle startup

Se vogliamo approfondire il tema delle startup possiamo partire dall'Europa, dove, secondo una ricerca realizzata da Start-Up Europe e uscita lo scorso giugno , il numero di startupper sta crescendo a ritmi sempre più sostenuti. Le città più innovative? Quelle del Nord Europa, in particolare Berlino, Londra, Parigi e Stoccolma. Anche l'Italia sta crescendo, ma con una forte differenza tra Nord (Lombardia), Centro e Sud.

L'innovazione al primo posto

Quando parliamo di startup a cosa ci rapportiamo? Da dizionario “fiscale” questa è la definizione esatta: azienda, di piccole dimensioni, che si lancia sul mercato sull’onda di un’idea innovativa. È quindi l'innovazione l'elemento davvero trainante che sta alla base delle startup, non solo italiane, ma anche del resto del mondo.

Se dovessimo inoltrarci ancora di più nella realtà degli startupper, scopriremmo che è un mondo a sé, dotato anche di un proprio gergo. Tanto che ad esempio definire una startup come “unicorno” significa avere di fronte un successo senza precedenti, ovvero una realtà che nel tempo è riuscita a toccare quota 1 miliardo dollari di capitale. Ovviamente, di “unicorni” ce ne sono pochi (in economia, quindi, esistono davvero) e tra gli archivi dei più celebri ricordiamo Uber, Airbnb e Deliveroo, che sono andati ben oltre i confini nazionali.

In Italia si tocca quota 10.000

Anche in Italia l'universo dinamico delle startup innovative sta evolvendo. Grazie alle fonti del Registro delle Imprese è possibile capire la situazione del Bel Paese e analizzare gli indicatori principali delle startup registrate.

Quante sono e dove sono le startup italiane?

Secondo Unioncamere, le startup italiane iscritte sono oltre 10.000, ubicate in prevalenza in 5 regioni, che corrispondono anche alle più popolose, se si esclude la Sicilia:

  • Lombardia: 25,24%;

  • Lazio: 11,16%;

  • Emilia-Romagna: 8,84%;

  • Veneto: 8,72%

  • Campania: 7,82%.

Sono poi le grandi città che ospitano la quota maggiore di startup innovative:

  • Milano: 17,78%;

  • Roma: 10,04%;

  • Napoli: 3,57%;

  • Torino: 3,20%;

  • Bologna: 3,15%.

Gender e stranieri

Forse non tutti conoscono il cosiddetto STEM, acronimo che sta per Science, Technology, Engineering and Mathematics. Si tratta di un comparto del mondo del lavoro e dell'università dove sembra che le donne non riescano a emergere, o dove comunque ce ne sono davvero poche. A guidare la lista delle game changer STEM la celebre Marie Curie, per fare un esempio su tutte, ben due volte premio Nobel per la chimica e per la fisica, in un'epoca (fine Ottocento, inizio Novecento), dove ancora le donne vestivano con le crinoline ed erano spesso escluse dalle università.

Partendo dallo stesso concetto, anche nel caso delle startup innovative, la presenza femminile è molto bassa. Quelle composte in prevalenza da donne sono solo il 13,6% del totale. D’altra parte la quota di quelle che hanno al loro interno almeno un soggetto femminile raggiunge il 43,3%. Anche per quel che riguarda la presenza dei giovani la situazione italiana è molto particolare. Le startup dove fondatori e dipendenti sono compresi tra i 18 e i 35 anni di età sono solo il 18,8% del totale. Quando poi si guarda alla presenza migrante, i dati sono davvero bassissimi: le nuove startup a prevalenza straniera sono appena il 3,2% del totale.

Questo lo scenario italiano odierno in cui operano le startup nazionali, che andremo progressivamente ad esplorare attraverso la vera voce dei protagonisti con l’obiettivo dichiarato di condividere e diffondere il valore della creatività e l’importanza del cambio di prospettiva.

Fonti:

"Startup innovative." Unioncamere, 24/10/16, http://www.unioncamere.gov.it/P42A0C2698S2723/startup-innovative.htm.

"Unioncamere pubblica gli ultimi dati sulle startup innovative." Smart Nation, 24/03/19, https://smartnation.it/news/unioncamere-pubblica-ultimi-dati-startup-innovative.

"Startup innovative: i dati chiave a fine 2018." Ministero dello sviluppo economico, 01/02/19, https://www.mise.gov.it/index.php/it/198-notizie-stampa/2039166-startup-innovative-i-dati-chiave-a-fine-2018.

Questo prodotto non è privo di rischi e fornisce nicotina che crea dipendenza. Solo per maggiorenni che altrimenti continuerebbero a fumare o ad usare altri prodotti con nicotina.
  • Italiano

Inserisci mese e anno di nascita per confermare di essere un maggiorenne fumatore o utilizzatore di altri prodotti contenenti nicotina.

Conferma

Questo sito è destinato solo a maggiorenni fumatori o utilizzatori di altri prodotti contenenti nicotina

We Care

Questo sito contiene informazioni sui nostri prodotti da utilizzare con tabacco e abbiamo bisogno della tua età per accertarci che tu sia un maggiorenne in Italia che continuerebbe a fumare o a usare prodotti contenenti nicotina. I nostri prodotti da usare con appositi stick di tabacco non sono un'alternativa allo smettere e non sono concepiti come strumenti di supporto alla cessazione. Non sono privi di rischi. Gli stick di tabacco contengono nicotina, sostanza che provoca dipendenza. Uso riservato a soli adulti. Per maggiori informazioni visita la sezione Cosa Sapere di questo sito.